back to all posts

Pneumatici sgonfi: che tipo di problemi causano?

Published in montaggiogomme by Matteo Lecca, 26/09/2019 0

L’importanza della corretta pressione dei pneumatici è un tasto sul quale battono spesso gli esperti del settore e i motivi sono presto detti: gomme sgonfie possono causare diversi problemi e mettere a repentaglio la sicurezza di chi si trova a bordo del veicolo. Ma quali sono le problematiche generate da pneumatici ad una pressione inferiore rispetto a quella prevista? Si va dal rischio più alto di una foratura alla scarsa tenuta di strada, passando per una inferiore maneggevolezza, ma non solo; innanzitutto nelle gomme gonfiate non correttamente aumenta la superficie di contatto con il fondo stradale e questo significa anche un incremento del rischio di forare. Tale aumento di superficie non corrisponde però a valori più alti di aderenza, bensì ad una maggiore resistenza al rotolamento, che si traduce in consumi superiori di carburante.

Pneumatici sgonfi: minor aderenza e tenuta di strada

Con le gomme sgonfie diminuisce la tenuta di strada e il grip sull’asfalto, con un conseguente aumento degli spazi di frenata, ciò significa che il veicolo avrà bisogno di un numero maggiore di metri per potersi fermare. Una pressione inferiore causa inoltre un consumo anomalo del battistrada, con parti che si usurano più di altre compromettendo l’efficienza delle scanalature e l’aderenza complessiva. Gomme che si usurano più rapidamente diventano meno affidabili e soprattutto devono essere sostituite in anticipo rispetto a quelle che lavorano in maniera corretta, incidendo così sulle spese dell’automobilista. Con le coperture sgonfie si perde anche in reattività e maneggevolezza, per cui le reazioni della vettura saranno più lente e meno tempestive, incrementando il pericolo di incidenti. Gli effetti negativi si accentuano ancora di più in caso di strada bagnata o in presenza di grip ridotto a causa di ghiaccio o neve sulla superficie stradale.

L’importanza dei controlli regolari

Quando si circola con gomme sgonfie, si ha un consumo di carburante maggiore in media del 3% rispetto alla marcia con pneumatici alla corretta pressione: per questo e per tutti i motivi elencati in precedenza, è necessario effettuare controlli regolari sulla pressione di gonfiaggio, circa una volta ogni mese, così da assicurarsi che vengano rispettati sempre i corretti valori. La giusta pressione varia da veicolo a veicolo, ma in genere è compresa fra 2,2 e 2,3 bar (sono necessari 0,2-0,3 bar in più quando si viaggia con il veicolo a pieno carico). Da ricordare che le verifiche vanno svolte sempre con gomme fredde, in modo da avere valori precisi e non falsati.