back to all posts

I vecchi pneumatici diventano opere d’arte

Published in montaggiogomme by Matteo Lecca, 26/10/2018 0

Le discariche di pneumatici abbandonati potrebbero diventare presto un ricordo, o almeno dovrebbero visto l’ampio utilizzo che si può fare delle vecchie gomme giunte al termine del loro ciclo vitale. Il più creativo di questi riutilizzi è senz’altro quello compiuto da Blake McFarland, che con il materiale ricavato da pneumatici dismessi ha dato vita a delle sculture che sono delle vere e proprie opere d’arte, talmente realistiche da lasciare a bocca aperta. L’aspetto più curioso è che McFarland non è soltanto un artista, ma anche un giocatore di baseball professionista in grado di eccellere sia sul campo da gioco che fuori, come dimostrano le sue creazioni a base di vecchi pneumatici.

Le opere ritraggono animali, esseri umani e oggetti, che prendono vita dall’intreccio di gomme riciclate. La particolarità dei suoi lavori risiede nella precisione con la quale è in grado di riprodurre i dettagli delle figure, che diventano così realistiche da sorprendere. Per ogni scultura è necessario un mese di tempo e le creazioni impressionano per la loro aderenza alla realtà. Tra le più suggestive si possono ammirare un puma nello slancio verso una preda, un cavallo imbizzarrito e uno squalo realizzato con estrema cura dei dettagli.

Riciclo creativo e arte ecosostenibile

Le opere firmate da Blake McFarland sono totalmente eco-friendly e spiccano per originalità, caratteristica che lui ha sempre cercato. Appassionato fin da bambino all’arte, ha tentato in vari modi di canalizzare la sua ispirazione e i pneumatici riciclati hanno rappresentato l’approdo ideale per un artista alla ricerca di spunti originali e con un forte interesse verso la sostenibilità ambientale. In questo modo unisce l’utile al dilettevole: senza il suo lavoro, infatti, i pneumatici da lui impiegati sarebbero destinati alla discarica, così invece trovano nuova vita, nella maniera più inaspettata e artistica possibile. Per le sue sculture adopera battistrada di tutte le dimensioni, senza alcuna distinzione: si impegna dunque a raccogliere qualunque tipo di pneumatico, per poi adoperarlo in base all’opera da creare.

È facile prevedere per McFarland un futuro nel mondo dell’arte una volta che avrà smesso di calcare i campi da baseball americani: le sue opere hanno riscosso un notevole successo a livello globale e lui sta già guardando oltre sempre all’interno dell’ottica del riciclo creativo; dopo le sculture con i pneumatici, ecco i lavori realizzati con i tappi di sughero, nel pieno rispetto della sua coscienza green.