back to all posts

Goodyear testa i pneumatici nello spazio

Published in montaggiogomme by Matteo Lecca, 18/10/2018 0

I pneumatici arrivano nello spazio: nei prossimi mesi Goodyear ha programmato dei test che verranno effettuati all’interno dell’ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, su materiali da impiegare poi nella produzione di pneumatici. Verrà così varcata una nuova frontiera nell’industria delle gomme per auto, alquanto suggestiva; il progetto è stato messo a punto con la collaborazione del Laboratorio Nazionale Statunitense e prevede lo studio della formazione delle particelle di silice in condizioni di microgravità, quelle presenti all’interno della stazione spaziale. Per la prima volta, dunque, la ricerca e lo sviluppo delle gomme auto arrivano nello spazio, ma Goodyear già in passato aveva varcato i “confini” terrestri: vennero infatti costruiti dall’azienda americana i pneumatici a bordo del modulo lunare che portò i primi astronauti sulla superficie della Luna.

L’obiettivo è quello di sviluppare tecnologie in grado di andare oltre i limiti attualmente raggiunti, per offrire prodotti ancora più performanti e per certi versi rivoluzionari. La decisione è arrivata dopo che alcune ricerche universitarie condotte in condizioni di microgravità hanno svelato che tale strada nasconde delle potenzialità da sfruttare per creare pneumatici che possano esprimere performance superiori, in particolare per quanto riguarda la resistenza al rotolamento e di conseguenza la riduzione dei consumi di carburante, aspetto sul quale le aziende costruttici si stanno concentrando con sempre maggiore attenzione. Al momento è difficile sbilanciarsi e fare delle previsioni precise sul fatto che questo tipo di ricerca possa davvero condurre a prodotti rivoluzionari, ma se Goodyear ha indirizzato i propri investimenti su un progetto – questo sì, rivoluzionario – tanto ambizioso significa che ritiene fruttuosa una scelta del genere e chissà che in futuro anche altre aziende decidano di seguire il colosso americano dei pneumatici nella ricerca e sviluppo da svolgere in orbita attorno alla Terra, in assenza di gravità.