back to all posts

Cresce l’interesse per i pneumatici smart

Published in montaggiogomme by Matteo Lecca, 15/04/2019 0

Il futuro è smart, anche nel settore dei pneumatici: le gomme intelligenti destano l’interesse degli automobilisti, come rivelato da un sondaggio effettuato da Nokian Tyres, costruttore finlandese. Sono numerosi coloro che vorrebbero pneumatici smart a bordo delle loro auto, coperture capaci di adattarsi istantaneamente alle condizioni dell’asfalto e del clima per garantire in ogni situazione il massimo della sicurezza ed elevato comfort. Gli automobilisti intervistati sono stati oltre 4 mila in diversi Paesi europei – Francia, Italia, Germania, Repubblica Ceca e Polonia – e il sondaggio ha evidenziato il crescente interesse verso le smart-tyres, considerate fondamentali per incrementare la sicurezza alla guida. Attualmente una gomma in grado di adattarsi all’istante alle condizioni meteo e dell’asfalto non esiste, ma grazie agli sviluppi tecnologici e all’intelligenza artificiale non appare così lontano il momento in cui coperture di questo tipo faranno il loro ingresso nel mercato.

Già adesso soprattutto nei modelli top di gamma si può rilevare un costante incremento del numero di sensori, capaci di inviare in tempo reale informazioni sullo stato di salute del pneumatico che vengono poi analizzate tramite un’app installata sul telefono oppure attraverso il computer di bordo del veicolo. A breve potranno essere sviluppati sensori in grado di monitorare lo stato del battistrada e segnalare al conducente del veicolo quando questo è eccessivamente consumato e vi è la necessità di sostituire le gomme, operazione alla quale al momento l’automobilista deve provvedere da sé, controllando autonomamente la superficie del battistrada e la profondità degli intagli oppure affidando queste misurazioni al proprio gommista di fiducia. Tuttavia quando si parla di pneumatici smart, l’obiettivo non è un’intelligenza “passiva” che si limita a monitorare, bensì attiva, cioè in grado di intervenire automaticamente.

Come saranno i pneumatici smart?

È proprio questo traguardo che i più importanti costruttori di gomme hanno messo nel mirino, ovvero coperture che sappiano adattarsi alle diverse condizioni che un automobilista può incontrare quando si trova a bordo della sua vettura. Chi sta al volante dovrà preoccuparsi unicamente della guida, poiché le gomme saranno in grado di adeguarsi da sole ai cambiamenti. Cosa significa? Che in base al livello di aderenza sull’asfalto potrà modificarsi da solo il disegno degli intagli sul battistrada, per assicurare in ogni momento il massimo grip possibile; in caso di pioggia le scanalature potrebbero aumentare di dimensione, permettendo così lo smaltimento di un maggior quantitativo di acqua ed evitando il fenomeno dell’aquaplaning, per poi ritornare al loro volume standard una volta superata la strada allagata.

Quando vedremo pneumatici in grado di adattarsi in autonomia alle diverse situazioni? Secondo Nokian Tyres non è uno scenario così lontano, poiché i sensori di nuova generazione che faranno la loro comparsa nei prossimi cinque anni cambieranno diversi aspetti relativi al monitoraggio delle gomme, tuttavia sarà necessario attendere un po’ di più per vedere i pneumatici “autonomi”, cioè capaci di reagire da soli alle diverse condizioni. Uno degli aspetti su cui si pone maggiormente l’attenzione è la robustezza dei sensori, che dovranno resistere alle stesse sollecitazioni che sopportano le gomme e garantire una lunga durata nel tempo. Si tratterà dunque di tecnologie costose che inizialmente saranno disposizione solamente sui pneumatici premium, per cui non alla portata di tutte le tasche; questo significa che nel medio periodo le gomme smart resteranno un sogno per buona parte degli automobilisti che le desiderano, per via del prezzo elevato che le caratterizzerà. Un costo giustificato dall’alto contenuto tecnologico che tali coperture avranno al loro interno, in grado potenzialmente di rivoluzionare l’approccio alla guida.